Davide Ravera consulente finanziario indipendente logo

Iniziare ad investire: quali sono i principali strumenti

Come investire a 50 anni

Indice

Spesso quando si inizia ad investire ci si chiedi quali sono le principali alternativa che si hanno a diposizione su cui investire. In questo articolo tratteremo ognuno dei principali asset finanziari e andremo ad approfondirne le caratteristiche principali.

Cos'è un asset finanziario

Prima di tutto però, andiamo a scoprire insieme cosa intende per asset finanziario.                                                                              Asset significa letteralmente “attività”. In ambito finanziario l’asset indica un’attività finanziaria che può essere posseduta o scambiata con l’obiettivo di generare un profitto. In parole più semplici possiamo dire che un soggetto economico che ha a disposizione del denaro(liquidità), può decidere di utilizzarlo per l’acquisto di diversi beni. L’asset finanziario è una particolare tipologia di bene che ha un valore monetario o rappresenta una somma di denaro. L’asset finanziario, oltre a poter creare valore dalla differenza tra il prezzo di acquisto e vendita, può essere anche una fonte di rendita.

In ambito finanziario si parla anche di asset class, indicando una categoria d’investimento, un insieme di strumenti dotati di caratteristiche simili che hanno un comportamento simile sui mercati.  Gli asset possono essere negoziati o scambiati all’interno del mercato. Pertanto, per cercare di sfruttare al massimo un asset e, cosa fondamentale, non incorrere in problemi, è importante conoscere le diverse tipologie di asset e le annesse caratteristiche.

Asset finanziari: azioni, obbligazioni, oro,

Come abbiamo detto poca fa esistono diverse tipologie di asset finanziario. Per essere in linea con uno dei più importanti principi finanziari che è quello della diversificazione, dobbiamo cercare di creare dei portafogli di asset che non si concentrino troppo su un determinato strumento. Di solito nella composizione di un portafoglio, una parte di denaro viene detenuta sotto forma di liquidità, la restante parte può essere usata per l’acquisto di azioni, obbligazioni, immobili,materie prime, materiali preziosi e quote di fondi.

Azioni

Le azioni sono l’asset class più utilizzato e conosciuto perché permettono spesso buoni rendimenti a compensazione di un rischio piuttosto elevato. I titoli azionari che rappresentano una quota societaria sono emessi dalle società di capitali e negoziate sul mercato azionario. L’acquisto di un’azione permette di ottenere un guadano o attraverso la crescita di valore, oppure attraverso una rendita che viene distribuita agli azionisti (dividendi). Acquistando un’azione si partecipa al capitale sociale e si diventa soci, con capacità di influenzare le decisioni. Anche se vengono utilizzate principalmente per obiettivi medio-brevi, possono essere utili anche per orizzonti di lungo periodo. Permettono di ottenere rendimenti elevati rispetto ad altri asset, ma allo stesso tempo sono molto rischiose perché collegate a diversi fattori (tassi d’interesse, performance aziendali ecc…).

Obbligazioni

Le obbligazioni sono titoli di debito che, generalmente vengono emessi da uno Stato, ma possono essere emessi anche dalle imprese. L’obiettivo per che emette obbligazioni e il reperimento di liquidità. Mentre l’emittente riceve il denaro derivante dall’acquisto, l’investitore riceverà delle somme di denaro periodiche (cedole) e il rimborso del capitale al termine di un periodo prestabilito. Si tratta di strumenti a reddito fisso e costituiscono dei prestiti effettuati dagli investitori all’emittente. Una volta che sono immesse nel mercato vengono scambiate senza il coinvolgimento dell’emittente. A differenza delle azioni, offrono un rendimento stabile a fronte di un rischio inferiore. Va ricordato che in caso di inflazione o abbassamento dei tassi, il loro rendimento reale tende ad abbassarsi fino ad azzerarsi, diventando di fatto come un deposito a cui non si ha accesso in maniera immediata.

Fondi

L’accesso a un fondo avviene attraverso l’acquisto della quota del fondo stesso. I fondi sono un asset finanziario trasversale alle diverse asset class. Nei fondi comuni, vi è una società di gestione che raccoglie e gestisce i capitali degli investitori investendoli in diverse asset class. Esistono fondi immobiliari e monetari, azionari, obbligazionari o bilanciati (che combinano più asset class).  Il fondo offre il vantaggio di investire in asset che il singolo investitore per disponibilità di denaro, non riesce a raggiungere.

Materie prime

Per acquisto di materie prime, o commodities, si intende l’acquisto di prodotti primari o beni grezzi che sono uniformi e fungibili. Si tratta di beni che spesso sono alla base della produzione o commercio globale. Si dividono in commodities soft, cioè prodotti agricoli o energia, o commodities hard, cioè metalli o minerali. L’acquisto di materie prime ha l’obiettivo di proteggere il capitale quando vengono effettuati investimenti più rischiosi nello stesso portafoglio. Alcune commodity presentano comunque una certa volatilità e di conseguenza buone opportunità di guadagno, ma anche qualche rischio.

Immobili

L’investimento immobiliare consiste nell’acquisto di una proprietà da sfruttare per generare reddito. In Italia l’immobile è stato sempre lo strumento di investimento preferito, visto molto spesso come il bene rifugio per eccellenza, secondo all’oro. È sicuramente un bene poco volatile e a basso rischio, ma può comportare anche rendimenti bassi. Il valore dell’immobile dipende soprattutto dalla sua posizione e dalla sua fungibilità, quindi dalla capacità di poter essere utilizzato per altri scopi. Anche se il bene mantiene sempre un valore intrinseco, bisogna sempre informarsi sull’andamento generale del mercato per sperare di ottenere dei risultati positivi.

Oro

L’oro non viene inserito nelle altre commodities perché ha un comportamento del tutto peculiare, collegato al suo ruolo di bene rifugio. L’oro infatti viene acquistato principalmente come strumento di protezione dall’inflazione, anche perché il suo valore non dipende dall’andamento del settore industriale come quello degli altri metalli. È definito a rischio zero anche perché, ha una sua quotazione mondiale di vendita e acquisto, non è collegato a un rischio di controparte, offre una proprietà esclusiva, accresce il suo valore nel tempo e può essere acquistato o venduto in qualsiasi momento.  Il rendimento dell’oro, pur non offrendo cedole, è basato su un orizzonte di lungo periodo.

Anche per oggi abbiamo concluso, spero che questa veloce panoramica possa esserti utile per aiutarti a capire meglio come impostare il tuo portafoglio sul breve e lungo periodo. A presto!

Davide Ravera

Davide Ravera

Ciao, sono Davide Ravera, consulente finanziario indipendente iscritto all'Albo e al CFA Program. Dopo esperienze come analista equity, risk management e portfolio management presso due importanti banche austriache, ho intrapreso la strada come consulente finanziario autonomo per poter aver un impatto positivo sulle scelte finanziarie delle persone.